fbpx

L’abbandono di rifiuti diventa reato penale: multe fino a 20mila euro per i cittadini, per le imprese previsto l’arresto del titolare

rifiuti abbandonati

Abbandonare rifiuti lungo le strade e nelle campagne diventa un reato penale, che per i privati cittadini prevede una multa da 1.000 a 10.000 euro. In più, se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi, la pena è aumentata fino al doppio (In alto una foto di archivio).

Lo ricorda l’amministrazione comunale di Rosignano in una nota stampa, attraverso la quale informa i cittadini delle novità “a seguito delle modifiche all’art. 255 c. 1 del Testo unico dell’Ambiente, D.Lgs. 152/2006, così come modificato dal d.l. 105/2023, convertito con legge 137/2023”.

Ecco che se fino all’entrata in vigore delle nuove norme, l’abbandono di rifiuti da parte del privato cittadino era punito con una sanzione amministrativa pecuniaria, e soltanto l’illecito abbandono da parte di imprese era sanzionato penalmente, attualmente entrambe le fattispecie (reato ommesso da cittadino privato o da azienda) hanno assunto rilevanza penale.

Non solo, perché in base alla nuova normativa “se è un’impresa a compiere un abbandono di rifiuti, il fatto viene punito ancor più gravemente, con l’arresto da 3 mesi a 1 anno o l’ammenda da 2.600 a 26.000 euro per il responsabile, che dovrà comunque essere formalmente identificato, eleggere domicilio e nominare un avvocato al pari di ogni altro reato, con informativa da trasmettere all’autorità giudiziaria”.

Il Comune ricorda infine che “rimarranno sanzionati al solo livello amministrativo gli abbandoni di rifiuti di piccolissime dimensioni, che prevedono sanzioni da 30 a 150 euro“.

Alla luce della nuova normativa vigente, l’amministrazione comunale specifica che “continueranno ad essere applicati i Regolamenti Comunali e quindi le sanzioni amministrative, nei casi in cui siano accertati errati conferimenti alle isole ecologiche o nell’ambito della raccolta “porta a porta”, non essendo configurabile l’intenzionalità dell’abbandono”.

Lascia un commento

Torna in alto