L’appello del Comune alle associazioni sportive di Rosignano Solvay: “Collaborate con la Pro Loco per rivalutare tradizioni locali come il palio di Santa Teresa e il Carnevale”

Creare un senso di comunità anche attraverso il recupero e la valorizzazione delle tradizioni locali. Questo l’obiettivo del Comune che, sostenendo un progetto della Pro Loco “Io amo Rosignano Solvay”, nei giorni scorsi ha inviato una lettera alle associazioni sportive della zona, invitandole a partecipare al palio di santa Teresa e al Carnevale. “La proposta mira a coinvolgere il locale mondo dello sport – si legge nella lettera firmata dal vicesindaco Licia Montagnani (cultura e turismo) e dall’assessore Beniamino Franceschini (attività sportive) – nella programmazione e nello svolgimento di queste iniziative, all’insegna della socializzazione e della collaborazione”.

La presidente della Pro Loco di Rosignano Solvay, Alessandra Quilici, spiega che per progettare il palio e i carri del Carnevale abbiamo bisogno di cittadini che si impegnino a livello pratico, nell’organizzazione e nella realizzazione degli eventi e dei carri“. L’idea dell’associazione è quelle di “far tornare il palio di Santa Teresa a quello che era molti anni fa; non solo la corsa, quindi, ma vari tipi di competizioni sportive dislocate in zone diverse di Rosignano Solvay. Tutto con l’obiettivo di animare il paese e creare un maggior senso di comunità”.

Ecco che la Pro Loco si è rivolta all’amministrazione, spiegando il progetto e chiedendo un aiuto per coinvolgere le tante associazioni sportive del territorio. Nei giorni scorsi Franceschini e Montagnani hanno inviato alle realtà che operano nel settore dello sport una lettera per caldeggiare la loro partecipazione a eventi e attività che fanno parte della storia del territorio. “Se da un lato – si legge nella comunicazione – l’idea della Pro Loco è coinvolgere i giovani atleti e le rispettive famiglie, a fianco dei veterani dei rioni nel palio e nel Carnevale Baraonda e in quello estivo, dall’altro lato non mancherà una condivisione con gli istituti scolastici, per favorire un nuovo senso di appartenenza tramite la conoscenza della memoria storica”.

Quilici spiega che il prossimo appuntamento “è il Carnevale Baraonda a febbraio, chi vuole dare una mano per i carri si faccia avanti”.

Nella missiva alle associazioni sportive, l’amministrazione fa presente come il progetto può “contribuire alla cooperazione tra i soggetti dello sport e al rafforzamento della nostra comunità“. Infine l’indicazione di rivolgersi alla presidente della Pro Loco, Alessandra Quilici, come referente del progetto (ioamorosignanosolvay@gmail.com).

La lettera inviata dall’amministrazione alle realtà sportive di Rosignano Solvay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto