fbpx

Nata la Destination Management Company (DMC) della Costa degli Etruschi  per incrementare la promozione della zona e far collaborare gli operatori turistici locali

Progetto Ambitour, il 26 ottobre amministratori da tutta la Toscana alla scoperta della Costa degli Etruschi

Rendere sempre più visibile e appetibile il brand Costa degli Etruschi non soltanto per il settore del turismo balneare, nel quale la zona è già una meta essenziale nel panorama internazionale, ma anche creando pacchetti ad hoc legati a cultura, esperienze outdoor, enogastronomia, sport e benessere. Questo l’obiettivo principale che ha portato l’Ambito turistico Costa degli Etruschi a dar vita a una Destination Management Company (DMC), che ha il compito di promuovere la vocazione turistica della zona grazie a una rete di destinazione. In pratica si tratta di coordinare e far collaborare strutture ricettive, ristoranti, produttori agricoli, musei e associazioni culturali, stabilimenti balneari, artigiani, professionisti e servizi complementari (guide, associazioni sportive, attività di noleggio mezzi, centri benessere, insegnanti di yoga, ecc) puntando sull’ideazione condivisa di nuovi prodotti turistici che possano intercettare e soddisfare le richieste dei visitatori.

La DMC Costa degli Etruschi è un’associazione temporanea di imprese composta dal Consorzio Kontiki, che da anni aiuta oltre 150 aziende del territorio a migliorare la propria visibilità e la qualità dell’accoglienza turistica anche grazie a un proprio tour operator (Visit Mondo), Italia Highlights, una Destination Management Company toscana specializzata nei servizi incoming in Italia e nell’organizzazione di eventi, e Cooperativa Itinera, impresa sociale che opera nei servizi culturali e turistici lavorando sull’intero territorio regionale.

Alla fine del 2023 la DMC ha già mosso i primi, fondamentali passi. Quali? Prima di tutto la presenza a due eventi essenziali per la promozione turistica, come il Buy Tuscany e il TTG Travel Experience Rimini, dove sono stati organizzati incontri con oltre 40 tour operator stranieri, così da pubblicizzare il brand Costa degli Etruschi e comprendere come costruire prodotti turistici di destinazione che siano in linea con i desideri e le aspettative dei turisti, siano essi stranieri o italiani. Già attivo anche l’apposito ufficio della DMC, dove tre addetti stanno mettendo a punto itinerari e pacchetti in linea con le esigenze dei visitatori. Essenziale anche l’obiettivo di implementare la piattaforma di booking on-line, realizzando servizi web che garantiscano una sempre maggiore interazione tra visitatori dei siti/portali e tour operator, strutture ricettive turistiche e fornitori di servizi del territorio, permettendo così di incrementare la visibilità della Costa degli Etruschi, grazie alla creazione di itinerari ed esperienze di qualità che sempre di più possano soddisfare le aspettative dei turisti.

Essenziale la presenza della DMC Costa degli Etruschi, mercoledì 17 gennaio, al laboratorio per il cicloturismo di Toscana Promozione in vista delle attività legate all’apertura del Tour de France che il 29 giugno 2024 partirà straordinariamente proprio da Firenze. Sarà un’importante occasione per organizzare pacchetti turistici da inserire nella più ampia campagna di promozione collegata appunto al grande evento di respiro sportivo e turistico.

“La costituzione di una DMC della Costa degli Etruschi è un passo avanti fondamentale per promuovere in modo corretto e sempre più moderno la nostra zona confrontandosi con le richieste dei mercati nazionali e internazionali – spiega Marco Pavoletti, coordinatore dell’Ambito Costa degli Etruschi – costruendo un ventaglio di prodotti turistici con proposte aggiuntive o complementari all’offerta balneare. La DMC ha anche l’obiettivo di avviare una rete di collaborazioni tra gli operatori locali così da promuovere la destinazione Costa degli Etruschi in modo unitario ed organizzato”.

Missione essenziale della DMC – spiega Cristiano Pullini, assessore al Turismo del Comune di Castagneto Carducci, capofila dell’Ambito Costa degli Etruschi – è quella di promuovere settori turistici legati all’enogastronomia, alla cultura e alle attività outdoor, che non devono sostituire il tradizionale turismo balneare ma essere complementari, in modo da offrire esperienze complete e di qualità. Ciò permetterà di diversificare il turismo balneare e ampliare la durata della stagione turistica”.

Lascia un commento

Torna in alto