fbpx

Manto stradale pericoloso a causa delle radici, saranno abbattuti 15 pini sul tratto nord di via dei Mille

via dei mille nel tratto lato monte saranno tagliati i pini • TUTTIGIORNI

Lungo via dei Mille le radici dei pini hanno danneggiato più volte l’asfalto, causando gibbosità e spaccature che rappresentano un problema per la sicurezza stradale. Negli ultimi anni alcuni residenti della zona e svariati cittadini che abitualmente utilizzano questa arteria viaria nel centro di Rosignano Solvay hanno fatto presente questo problema agli uffici comunali. Ecco che l’amministrazione ha deciso di abbatterli, sostituendoli con altre tipologie di piante le cui radici abbiano una espansione meno invasiva.

nel tratto lato monte di via dei mille saranno tagliati i pini • TUTTIGIORNI
Il tratto di via dei Mille in cui saranno abbattuti i pini

Un intervento che, come spiega l’assessore alle manutenzioni Giovanni Bracci, verrà effettuato entro la fine dell’anno. “L’abbattimento dei pini a lato della carreggiata – prosegue – non riguarderà l’intera via dei Mille, ma il tratto compreso tra via Parenzo e via della Cava. La strada in questione è molto transitata e proprio nella porzione a monte dell’incrocio con via Parenzo la carreggiata si restringe notevolmente. Chiaro che la presenza di dossi e crateri dovuti all’azione delle radici dei pini possa rendere meno agevole – e meno sicuro – il transito di auto e scooter.

“Sarà un intervento risolutivo – dice ancora Bracci – , dato che non solo saranno tagliati i pini, che in quel tratto sono circa quindici, ma saranno eliminate anche le ceppaie. Queste piante vengono sostituite con altre alberature. Terminato questo lavoro, il tratto di via dei Mille tra via Parenzo e via della Cava sarà asfaltato.

Per quanto riguarda la restante parte di strada, vale a dire quella compresa tra via Parenzo e via Ernesto Solvay, al momento l’amministrazione non prevede di tagliare le piante presenti lungo la banchina. “Il versante lato mare di via dei Mille – chiude l’assessore – sarà però sottoposto a una nuova asfaltatura”.

Lascia un commento

Torna in alto