fbpx

Piano strutturale, il consiglio comunale di Rosignano accoglie le osservazioni per ridurre il consumo di suolo

castiglioncello panoramica • TUTTIGIORNI

Durante la seduta del consiglio comunale dello scorso 28 marzo, sono state approvate le controdeduzioni alle numerose osservazioni relative al nuovo piano strutturale adottato, pervenute da parte di cittadini, associazioni e imprese, oltre che da enti pubblici. Lo fa sapere l’amministrazione con una nota stampa.

“Il piano strutturale – si legge nel comunicato del Comune di Rosignano – è il fondamentale strumento urbanistico di carattere strategico e di lunga durata, contenente gli obiettivi e gli indirizzi per lo sviluppo sostenibile del territorio, individuati attraverso l’identificazione di vincoli e risorse naturali e culturali. All’interno della programmazione urbanistica, ricopre un ruolo cardine l’impegno alla riduzione del consumo di suolo, obiettivo da perseguire attraverso le alternative di riutilizzazione o riuso, recupero e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente”.

Tra i vari contributi pervenuti al Comune, “le osservazioni presentate dalla Regione Toscana sono state accolte per garantire la coerenza e la compatibilità del piano adottato, con la normativa regionale di riferimento e con il piano d’indirizzo territoriale,  con particolare riferimento alla revisione del perimetro del territorio urbanizzato“. Una misura, questa, che che consente di limitare il consumo di suolo non edificato, rendendo il piano più sostenibile dal punto di vista ambientale.

Il Comune sottolinea inoltre che un altro aspetto di particolare importanza è la riduzione del carico insediativo, soprattutto per la funzione residenziale, che ha reso il piano più sostenibile dal punto di vista del consumo di nuove risorse. “Tali modifiche apportate – si legge nel comunicato – riducono del 55% il consumo di suolo e comportano un equilibrio tra riuso e nuova edificazione che  rendono il piano più sostenibile“. L’amministrazione fa insine sapere che la delibera è stata inviata alla Regione Toscana ed alla Soprintendenza per chiedere la convocazione della Conferenza Paesaggistica; una volta acquisito il verbale della Conferenza, il documento tornerà in consiglio comunale ed il piano strutturale sarà definitivamente approvato.

Lascia un commento

Torna in alto