Con “Diario 2024” la Fondazione Armunia accompagna il teatro nei luoghi della quotidianità, spettacolo a Scapigliato e una Via Crucis d’autore aperta ai cittadini

Un percorso attraverso la vita, che riesca a raccontare un’intera comunità. Si chiama “Diario 2024” la stagione di eventi della Fondazione Armunia, con il sostegno di ministero della Cultura, Regione Toscana e Comune di Rosignano Marittimo. Presentata la mattina di martedì 5 dicembre al castello Pasquini, oltre agli appuntamenti “tradizionali” – spettacoli teatrali, prove aperte, laboratori, attività con le scuole – prevede una collaborazione stretta con vari soggetti del territorio in modo da coinvolgere direttamente i citadini. Come? Spostando le attività di Armunia nei luoghi comuni alla vita quotidiana dei residenti.

Con questo intento nascono i progetti con le parrocchie del V Vicariato di Rosignano Marittimo, lo store Unicoop Tirreno di Rosignano Solvay, l’azienda di rigenerazione ambientale R.E.A. e il polo impiantistico per lo smaltimento dei rifiuti di Scapigliato, che saranno partner e scenario di iniziative. E ancora, tra i partner, le Pro Loco, l’Università Popolare di Rosignano Marittimo, la Schola Cantorum, la Scuola di musica Bacchelli, la Filarmonica Solvay, i circoli Arci, la Cooperativa Nuovo Futuro, le scuole elementari del Comune di Rosignano Marittimo, l’Isis Mattei di Rosignano Solvay, il Teatro Ordigno di Vada, la cabina di regia del Parco dei Poggetti, le RSA di Rosignano Sovay e Castenuovo e la biblioteca.

“Il titolo di questa stagione di eventi – ha detto l’assessora alla cultura, Licia Montagnani – racchiude il senso del messaggio che vogliamo lanciare. Il teatro e l’attività culturale vanno incontro alla comunità e la coinvolgono. In questo modo l’attività teatrale esce dal teatro ed entra in contatto con le persone, segnando una ripresa di rapporti sociali e la convinzione che non bisogna mai arrendersi all’indifferenza.

“La stagione che proponiamo – ha sottolineato la direttrice artistica di Armunia, Angela Fumarola – non è una programmazione artistica fine a se stessa, ma un invito a scrivere insieme questo “Diario 2024”. Le pagine vuote si compiranno con le azioni degli artisti nella relazione con il pubblico. Da qui le tante collaborazioni con Unicoop, Scapigliato, Rea, le scuole, le Rsa del territorio. Tutto nell’ottica di trovare una convergenza”. Soddisfatto della creazione di una rete tra i vari soggetti del territorio anche Francesco Bottoni, temporary manager della Fondazione Armunia.

Oltre 40 eventi animeranno il territorio da gennaio a maggio 2024, con l’obiettivo di creare appunto una sorta di diario collettivo. Non a caso l’immagine scelta per “Diario 2024” – firmata da Gioele Reginato, ilustratore ventenne di Rosignano – raffigura una sorta di staffetta attraverso la cultura, che porta con sé la contaminazione tra persone e luoghi. Così nascono appuntamenti inconsueti: il 13 marzo 2024 la rappresentazione della Via Crucis aperta a tutta la cittadinanza e diretta da Marcello Sambati (grande artista salentino, fondatore del teatro Furio Camillo) in collaborazione con le parrocchie di Rosignano Marittimo, Vada, Castiglioncello e Rosignano Solvay, e anche “Almeno nevicasse”, restituzione dell’omonimo laboratorio condotto dall’attrice Francesca Sarteanesi che l’11 aprile 2024 porterà la sua performace al polo impiantistico di Scapigliato.

In fondo all’articolo è possibile scaricare il PDF con il programma.

Costo biglietti. Teatro famiglie: intero 5 euro, ridotto 3 per gli studenti che partecipano al progetto scuola. Spettacoli: intero 10 euro, ridotto 8 euro. Spettacoli specifici: (“A corpo libero”, “Via Crucis” e “Almeno nevicasse”) ingresso libero. Prove di spettacolo: unico 3 euro.

Per tutte le informazioni. www.armunia.eu; armunia@armunia.eu; uffici 0586.754202 – 759021; mobile 348.7297097 – 342.5649383.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto