fbpx

Il Comune verso l’acquisto della “scuola volano” che ospita le medie Fattori, Donati: “Rinnovare il noleggio altri due anni costa più che comprarla, la struttura sarà utile per consentire lavori in altri edifici pubblici e per accogliere varie associazioni”

Il Comune di Rosignano verso l'acquisto della scuola volano

L’amministrazione comunale sta approntando l’iter per l’acquisto della cosiddetta “scuola volano”, la struttura temporanea sistemata nella zona delle Pescine (a fianco dell’omonimo circolo Arci) che da settembre 2021 ospita la scuola media Fattori.

Come si legge nella relazione generale a corredo della determina 508 del 28 giugno, prolungare l’utilizzo per il biennio 2023-2024 “prevede un costo di 952.000 euro per il noleggio, 45.500 per lo smontaggio, 80.000 per demolizione di fondazioni e ripristino area, per un totale di 1.077.500 euro”. A fronte di una spesa globale di 1 milione e 77.500 euro per proseguire il noleggio biennale, l’opzione dell’acquisto dall’impresa che ha fornito e installato i moduli temporanei implica una somma pari a 896.700 euro, oltre a circa 20mila euro annui per la manutenzione.

Da qui la scelta del Comune, attraverso una delibera di giunta, di avviare il percorso per acquistare i moduli che compongono la “scuola volano”, con l’intento, come spiega il sindaco Daniele Donati, “di utilizzarla per accogliere temporaneamente uffici pubblici e altre scuole nel caso ci fosse necessità di ristrutturazioni degli edifici che occupano ad oggi. Oltre a questo, la scuola volano, una volta che le medie Fattori torneranno nell’immobile su piazza del Risorgimento, potrebbe diventare sede di realtà associative dislocate altrove sul territorio. “Quella struttura – dice il sindaco – si è integrata bene nella zona e indubbiamente sarà utile anche per ospitare associazioni che hanno sedi in varie zone, essendo in un punto che già oggi rappresenta un centro ricreativo e di aggregazione sociale.

Lascia un commento

Torna in alto