fbpx

L’emozione dell’arte per raccontare il futuro, grande evento di INEOS Inovyn alla Stazione Leopolda di Pisa. Il presidente Giani: “Azienda di riferimento per il territorio”

L’emozione dell’arte per raccontare il futuro, grande evento di INEOS Inovyn alla Stazione Leopolda di Pisa. Il presidente Giani: “Azienda di riferimento per il territorio”

Disegnare il futuro dell’azienda e della sua attività sul territorio grazie a un viaggio attraverso l’arte e le emozioni condivise. Grande successo per l’evento organizzato il 31 gennaio alla Stazione Leopolda di Pisa da INEOS Inovyn (gruppo INEOS), che con i suoi impianti è presente all’interno del parco industriale Solvay. 

La multinazionale, da sempre attenta all’innovazione e alla sostenibilità, dal 2023 ha deciso di raccontare la propria visione del futuro attraverso l’arte, scegliendo location suggestive che possano fare da scenario a momenti di confronto tra le istituzioni toscane e le grandi aziende che rendono viva la regione. L’obiettivo di INEOS Inovyn è quello di essere protagonista del cambiamento, partecipando attivamente a un nuovo modello di economia territoriale.

In questo percorso si è inserito il primo evento 2024, organizzato appunto alla Stazione Leopolda di Pisa. Un appuntamento che ha visto la presenza di grandi realtà produttive toscane, mondo della ricerca e delle istituzioni. Alla serata, accompagnata dalle note magiche di Giovanni Caccamo e Giulia Mazzoni – due giovani artisti che grazie al loro potente messaggio di rinnovamento si stanno imponendo sulla scena internazionale, era presente Geir Tuft, Ceo INEOS Inovyn, insieme ai membri del board, che hanno visitato gli impianti di Rosignano.

Vogliamo rafforzare la nostra rete di collaborazione con le istituzioni del territorio toscano – ha detto Georges Madessis, INEOS Inovyn Country Manager Italia -, penso alla Regione Toscana, alla Provincia di Livorno e al Comune di Rosignano. Tutti questi enti sono stati al nostro fianco fin dalla nascita di INEOS Inovyn nel 2015, permettendoci di conquistare i mercati internazionali, grazie alla qualità dei nostri prodotti. Ci tengo a ringraziare queste istituzioni, con cui desideriamo portare avanti una collaborazione significativa per il futuro del territorio”. Lo stesso Tuft, nel ricordare gli ottimi risultati raggiunti della multinazionale, ha evidenziato l’importanza di un percorso condiviso con le istituzioni toscane.

Alla serata alla Stazione Leopolda ha preso parte il Presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, che ha sottolineato il valore di INEOS Inovyn nel panorama produttivo internazionale. “Questa azienda rappresenta un riferimento importante. A Rosignano INEOS conta quasi 500 lavoratori – ha spiegato Giani – e si inserisce in un contesto che ci porta verso l’innovazione e lo sviluppo di nuove realtà produttive, penso ad esempio alla produzione di idrogeno che rappresenta il futuro”.

Anche il sindaco di Rosignano, Daniele Donati, ha evidenziato “l’importanza del progetto di INEOS Inovyn, che, anche attraverso l’arte, racconta un percorso di crescita e innovazione. Un percorso che dà una prospettiva importante per il futuro, non solo per il territorio di Rosignano ma per tutta la Toscana”.

Lascia un commento

Torna in alto