L’Usl annuncia l’apertura della nuova sala di elettrofisiologia, le reazioni di Rosignano nel Cuore e Partito Democratico di Cecina

cecina ospedale pronto soccorso

L’Usl annuncia l’apertura della nuova sala di elettrofisiologia dell’ospedale di Cecina e le forze politiche locali, seppur soddisfatte dell’avvio del servizio, mettono in chiaro la loro posizione e garantiscono che vigileranno sul funzionamento dell’attività.

Pubblichiamo di seguito, in ordine di arrivo, le note stampa inviate da alcuni partiti della zona.

La nota stampa di Rosignano nel Cuore:

“Negli ultimi giorni è andata in scena una ridicola commedia; riassumiamola brevemente. Ad inizio gennaio il primo atto: ll PD cecinese lancia un allarme sull’interruzione dell’attività di elettrofisiologia. La direzione ASL rassicura che è tutto sotto controllo.

Ma non è sotto controllo un bel niente. Facciamo presente che manca personale infermieristico formato e che non viene utilizzata una sala attrezzata e modernissima, pronta da un anno, pagata dalla collettività oltre mezzo milione di Euro. Da qui gli eventi precipitano: il 19 gennaio la direttrice ASL afferma improvvidamente che non è colpa sua se la sala non si utilizza, il motivo è che non si trovano medici per aprirla. Il 21 gennaio, con una lettera aperta, informiamo la Direttrice che siccome in sala lavora un medico per volta la sala può essere aperta anche subito. E ventiliamo che forse qualcuno potrebbe chiederle quali sono i motivi per cui tiene inutilizzata una struttura perfettamente funzionante e pagata a caro prezzo. Il giorno dopo il miracolo, l’ASL annuncia: la sala di elettrofisiologia si apre lunedì prossimo. Questa storia ci insegna alcune cose:

  • Che la direttrice generale dell’ASL Toscana Nord-Ovest è totalmente inadeguata.
  • Che il PD locale è connivente con i programmi regionali di depotenziamento dell’ospedale e che risponde a logiche di potere invece di difendere gli interessi dei cittadini.
  • Che un’azione politica forte e competente funziona, anche se svolta da posizioni di minoranza. Ma da posizioni di maggioranza sarebbe più facile.

Resta da sciogliere il nodo della mancanza di personale infermieristico formato per l’elettrofisiologia (non molleremo su questo punto). E poi ci sarà la madre di tutte le battaglie: la sala di emodinamica, perché se diventa nodo della rete STEMI l’ospedale delle Valli Etrusche non lo tocca più nessuno. E’ proprio per questo che in Regione la vedono come il fumo negli occhi. Grazie a tutti quelli che ci hanno sostenuto, andiamo avanti insieme”.

La nota stampa del PD di Cecina:

“Nei giorni scorsi – spiega la segretaria Elena Benedetti – avevamo lanciato l’allarme sulla perdita di questo importante servizio erogato all’interno dell’ospedale di Cecina. Siamo contenti che l’azienda sanitaria abbia recepito le nostre sollecitazioni in tal senso, sia a mezzo stampa che con interlocuzioni dirette con Usl Toscana Nord Ovest, annunciando l’apertura della nuova sala di elettrofisiologia per due sedute a settimana, il lunedì e il giovedì dalle 8 alle 14 con un medico e due infermieri in una sala dedicata.

Le risposte giunte dall’Asl sono un segnale importante che vanno nella direzione auspicata dal Partito Democratico di Cecina. Questa sala è stata fortemente voluta dal PD e inserita nel primo progetto dell’ospedale unico delle Valli Etrusche e per questo non possiamo nascondere la nostra soddisfazione.

Continueremo però a vigilare con attenzione affinché i volumi di attività, la tipologia e la qualità degli interventi che vi verranno effettuati mantengano gli standard precedenti e, anzi, vengano incrementati, come tra l’altro promesso dall’Asl. Il funzionamento della nuova sala dovrà essere garantito con dotazioni di personale medico e infermieristico adeguato e, soprattutto, con livelli di formazione ed espertizzazione aderenti agli standard di qualità. Ci aspettiamo perciò che agli annunci seguano presto i fatti concreti, nell’interesse dei cittadini delle Valli Etrusche e dell’Isola d’Elba”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto