Nemmeno con un fiore: Basket Sei Rose e INEOS insieme per dire No alla violenza contro le donne

Basket Sei Rose Rosignano no alla violenza sulle donne

U.S Basket Sei Rose, INEOS Manufacturing Italia, coordinamento donne SPI-CGIL Livorno, commissione Pari Opportunità del Comune di Rosignano Marittimo, Sportello Vanessa e associazione “Francesca sono io” unite nella lotta alla violenza sulle donne.
Nell’ambito delle varie iniziative indette sul territorio comunale con le associazioni sportive locali, domenica 3 dicembre in occasione del derby con il Basket Donoratico, anche il Basket Sei Rose ha fatto sentire il suo NO alla violenza sulle donne.
Nel prepartita del match, per l’evento “Nemmeno con un fiore”, i giocatori delle due squadre sono scesi in campo indossando maglie create appositamente per l’occasione. Gli atleti sono stati accompagnati dai giovanissimi della scuola minibasket biancoblu, nell’ottica di educare già i più piccoli a contrastare questo preoccupante fenomeno.

Importante la presenza di Juna Cavallini, responsabile HR e comunicazione di INEOS, main sponsor della prima squadra Sei Rose: INEOS Manufacturing Italia è infatti la prima società del comparto chimico toscano a ottenere la certificazione per la parità di genere, un esempio virtuoso che ha come obiettivo cambiare la cultura per poi ridurre, con i fatti, il divario di genere.
“Secondo il rapporto delle direzione centrale della polizia criminale – ha detto Francesca Lippi, direttrice affari pubblici dell’US Basket Sei Rose – , tra gennaio e novembre 2023 in Italia sono stati commessi 285 omicidi, con 105 vittime donne. Non possiamo più stare a guardare. Tutto questo non può passare più come normale. È giunto il momento di spaccare questa piramide, il cui vertice è il femminicidio, ma ha alla base gli stereotipi di genere, le battute sessiste, passando per il cat calling, l’abuso fisico, finanziario e psicologico e lo stupro. Finché non condanniamo tutto ciò che di fatto è molestia, noi donne siamo condannate a vivere nella paura. Tutti insieme diciamo NO, puntando a educare all’inclusività e al concetto di parità fin dalle generazioni più giovani…perché le donne non si toccano nemmeno con un fiore”.

Una linea sociale, quella che si schiera contro la violenza sulle donne, che trova la necessità di essere tradotta sui territori e nei confronti delle nuove generazioni ampiamente rappresentate in questa occasione. Una base educativa che deve partire dai piccoli gesti quotidiani per poi non farli divenire tragedie. Messaggio che ha trovato condivisione negli interventi che si sono susseguiti, a partire dalla presidente del Basket Sei Rose Katia Foschi, ma anche del sindaco Daniele Donati e degli assessori Beniamino Franceschini e Alice Prinetti e nelle rappresentanti del coordinamento Donne SPI CGIL, Sportello Vanessa e “Francesca Sono Io”.

La società biancoblù, con la collaborazione del negozio La mimosa, ha organizzato anche un momento conviviale parallelo alla manifestazione, generosamente offerto dagli sponsor Bar L’Angolo, Vini Fossaroli e Profumo di cannella. L’intero incasso viene devoluto all’associazione “Francesca sono io”, contribuendo così concretamente alla causa e sostenendo il prezioso lavoro che svolgono le volontarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto