fbpx

Rosignano nel Cuore sull’episodio del concerto a volume ridotto nella piazza di Vada: “Vero che esistono norme nazionali sulle emissioni acustiche, ma l’amministrazione può autorizzare deroghe per eventi rilevanti”

Oltre 400 persone per il concerto in piazza a Vada, ma durante le prove alcuni residenti chiamano la polizia municipale e il volume viene ridotto. Il presidente Pro Loco: “O c’è un’assunzione di responsabilità delle istituzioni insieme agli organizzatori oppure si dice chiaramente che queste iniziative in piazza Garibaldi non si possono fare”

Anche la lista civica Rosignano nel Cuore (Rnc) interviene del dibattito riguardante il concerto a volume ridotto nella piazza di Vada, a seguito delle proteste di alcuni cittadini che hanno chiesto l’intervento della polizia municipale.

Con una nota stampa, Rnc esprime prima di tutto “solidarietà al Motoclub Vada Bikers del Tirreno, alla Pro Loco Vada e a tutti i cittadini, residenti e turisti, che sabato sera alle 23.30 si sono visti interrompere una bella manifestazione musicale, presumibilmente per le proteste di una o più persone infastidite dal “rumore””.

Poi la polemica politica rispetto all’amministrazione: “Nel Comune di Rosignano si parla di rumore e non di musica, si parla di responsabilità penale degli organizzatori, si parla di esposti. Non si parla di turismo, non si parla di eventi, né tantomeno di divertimento sicuro e fruibile per tutti”, scrive la lista civica all’opposizione.

Infine il confronto con altri comuni della costa. “Solo pochi chilometri a sud tutto ciò non succede – termina la nota di RnC -, e questo giustamente frustra le ambizioni degli operatori del settore turistico, degli artisti, dei commercianti, dei turisti, dei proprietari di seconde case e di tutti quelli che hanno a cuore lo sviluppo di questo comune. Perché se è vero che esistono normative nazionali che determinano i limiti delle emissioni acustiche, è altrettanto vero che il sindaco ha facoltà di autorizzare deroghe in occasione di eventi di rilevanza collettiva”.

Lascia un commento

Torna in alto